Archivio della categoria: installazioni

portobeseno festival

Collettivo Vues D’Ici > Portobeseno festival 2019

collettivo Vues d'Ici

LA FORTEZZA CHE RISUONA
Portobeseno festival 2019

Castello di Beseno (TN)

Sabato 15, orario 10 – 23.30
Domenica 16 giugno, orario 10 – 18

Installazione di Collettivo Vues D’Ici

RIVA DESTRA
MEMORIE DELLA MALGA

audio + illustrazioni
L’installazione invita lo spettatore ad entrare nell’atmosfera di una malga attraverso le testimonianze dei suoi frequentatori, raccolte nell’estate del 2016. La creatrice sonora Lucie Mesuret e il fotografo e illustratore Antonio Malusà hanno lavorato a Malga Cimana, un tempo adibita ad alpeggio, ma che ha cambiato oggi la sua destinazione d’uso, raccogliendo le esperienze dei clienti. L’installazione offre un percorso sonoro ed illustrato che vuole ricostruire l’atmosfera di quell’estate con l’intenzione di rievocare le memorie di coloro che ancora frequentano le malghe, da quando c’erano ancora le mucche fino ad oggi, dove vi si ritrovano ancora per bere il caffè, giocare a carte o raccogliere funghi.

Il COLLETTIVO VUES D’ICI fondato da Lucie Mesuret e Antonio Malusà si propone di rappresentare la parola dei cittadini basandosi su di un metodo di ricerca sul campo propria delle scienze sociali. Per mezzo di un processo partecipativo creano nuovi media, quali fumetto documentario e installazioni sonore, basati sulla rappresentazione di racconti e memorie proprie dei luoghi della vita quotidiana. www.collectifvuesdici.org

collettivo Vues d'Ici

Link > programma completo festival Portobeseno 2019

castello di Beseno

Narrare il territorio > Portobeseno festival 2019

narrare #brionerovereto

LA FORTEZZA CHE RISUONA
Portobeseno festival 2019

Castello di Beseno (TN)

Sabato 15, orario 10 – 23.30
Domenica 16 giugno, orario 10 – 18

Installazione di Davide Ondertoller, Sara Maino

NARRARE IL TERRITORIO
audio + video
I laboratori didattici di Portobeseno si focalizzano sull’ecologia acustica e sulla raccolta di testimonianze e fonti orali. Coinvolgono le scuole di primo e secondo grado e gli Istituti superiori in tutta Italia. Ma la “palestra” di ricerca e di sperimentazione di questo metodo è sicuramente l’Alta Vallagarina.
Nel corso degli anni dai laboratori sono scaturiti documentazioni e audiovisivi diversi tra loro nell’estetica e nel tipo di montaggio visivo/sonoro. L’installazione propone una selezione di storie e di suoni ambientali raccolti durante l’attività laboratoriale nata nel 2009 all’interno del festival Portobeseno.

Narrare l'Alto Garda - Torbole

DAVIDE ONDERTOLLER e SARA MAINO sono gli ideatori e i curatori del festival ‘Portobeseno, viaggio tra fonti storiche e sorgenti web’ giunto quest’anno alla quindicesima edizione. Dall’anno 2009 progettano e realizzano a livello nazionale attività laboratoriali legate all’ascolto consapevole dei suoni ambientali e delle storie di comunità, raccogliendole e rappresentandole con archivi, mappe digitali, produzioni creative e installazioni. www.portobeseno.it

Link > programma completo festival Portobeseno 2019

Narrare Mercato Saraceno

Christian Marchi > Portobeseno festival 2019

Cristian Marchi

LA FORTEZZA CHE RISUONA
Portobeseno festival 2019

Castello di Beseno (TN)

Sabato 15, orario 10 – 23.30
Domenica 16 giugno, orario 10 – 18

Installazione di Christian Marchi

SILENZIO SENZA VUOTO
audio
Spesso cerchiamo in un’immagine un soggetto che risalti su uno sfondo in secondo piano, vuoto e poco considerato. Nel mio lavoro di registrazione dei suoni ho sempre ricercato questo sfondo; negli ultimi anni è spesso ritornato nel mio riascoltare il paesaggio.
La fotografia è ricca di elementi, che osservati nell’ambiente reale diventano soggetto grazie alla composizione dell’immagine. Per i suoni la modalità è la stessa. In quest’occasione ho scelto di proporre, al posto di un’unica registrazione monofonica un insieme di suoni, tentando di produrre un altro tipo di immagine. Torna il concetto di sfondo: la stanza vuota contiene elementi precisi, come la fotografia. Vi è inoltre un legame psicologico con l’idea di protezione che la casa offre. La mancanza di un soggetto in evidenza, ad esempio una voce, può portare a definire “silenzio” il contenuto acustico di quel luogo. Un silenzio senza vuoto, ricchissimo.

CHRISTIAN MARCHI, fonico e appassionato recordista. Dopo il Diploma ad indirizzo tecnico segue corsi per tecnici teatrali dove approfondisce l’interesse per il suono, la creatività sonora e le audio produzioni per teatro, audiovisivi e cinema.

Link > programma completo festival Portobeseno 2019

Portobeseno 2019 festival

Vittorio Curzel > Portobeseno festival 2019

LA FORTEZZA CHE RISUONA
Portobeseno festival 2019

Castello di Beseno (TN)

Sabato 15, orario 10 – 23.30
Domenica 16 giugno, orario 10 – 18

Installazione di Vittorio Curzel

MONTI DELLA LUCE
fotografia
Ogni luogo è unico. Il paesaggio è un intreccio di spazio e di tempo, tessitura di elementi fisici e spirituali, prodotto dell’azione della natura e delle vicende umane nel corso del tempo, caos e armonia. Tempo ciclico della natura dove tutto ritorna, tempo lineare della vicenda umana, del prima e del dopo. Ogni luogo ha una storia da raccontare. Ogni luogo ha un’anima.
Appunti di un cammino alla ricerca dell’anima dei Monti Lessini, immagini di alcuni dei segni che caratterizzano il paesaggio contemporaneo dei “Monti della luce”. Contrade e case di un’antica comunità di coloni germanici, pascoli, malghe, pozze d’acqua per abbeverare gli animali, sullo sfondo un villaggio del moderno turismo montano, muretti di sassi e di lastre di pietra, le nuove abitazioni, le antenne sul colle.

VITTORIO CURZEL è laureato in Psicologia, PhD in Scienze sociali. Autore di film documentari, programmi radiofonici Rai, saggi sul cinema, la fotografia, l’architettura, il paesaggio. Nel 2016 ha costituito Chorus FilmFactory. www.chorusfilmfactory.com

Link > programma completo festival Portobeseno 2019

Portobeseno 2019 festival

Un nuovo percorso di visita a Portobeseno

Portobeseno inaugura un nuovo percorso visivo sulla collina che ospita il castello di Beseno. L’installazione di Simone Carraro è composta da 6 formelle di terracotta posizionate su preesistenti pozzetti di cemento armato e si snoda sul prato fuori le mura di castel Beseno, sul versante prospiciente la Vallagarina.

KnowVisit

L’opera ‘Un pediluvio mi farebbe bene‘ vuole essere principalmente un invito a scoprire il paesaggio e l’ambiente naturale locale che ospita uno dei castelli più visitati delle Alpi. La pittura e la scrittura di Simone Carraro raccontano, mitizzandole, la flora e la fauna osservate durante il periodo di residenza in Alta Vallagarina.

Sentiero NoVisit

Un percorso alternativo e quasi sconosciuto, un invito a scoprire il paesaggio attorno a castello di Beseno con una prospettiva affascinate e originale. Il percorso fuori dalle mura del castello consente di apprezzare la spettacolare vista che si gode della valle dell’Adige (con un panorama che spazia da Trento fino a Brentonico) e offre un’inusuale prospettiva del castello e delle sue fortificazioni viste dall’esterno.

Il nuovo percorso visivo di Portobeseno è stata segnalato dalla redazione di Trentino Cultura e Exibart.

KnowVisit

Il lavoro di Simone Carraro si inserisce all’interno del progetto KNOWVISIT, un progetto di residenze sviluppato dal festival Portobeseno 2018 che ha coinvolto, nel mese di giugno 2018, sette giovani artisti di stanza a Venezia.

Sollecitati dal tema dell’edizione 2018 di Portobeseno, ovvero “NoVisit – Consulta sempre il genio del luogo”, gli artisti hanno proposto un approccio di indagine curioso e profondo del territorio attorno al castello, riuscendo a sviluppare visioni libere e personali, contaminando differenti linguaggi in una narrazione collettiva.

IMG-20180623-WA0004

KNOWVISIT si presenta come un originale contenitore di diverse modalità d’indagine, dall’intervento pittorico alla scultura lignea, dalla ricerca sul paesaggio sonoro alle audio interviste, dal vagabondaggio alla performance di un’osteria errante. La residenza è stata coordinata dall’artista, originario di Besenello, Francesco Vogl e ha visto la partecipazione di Elisa Barbieri, Simone Carraro, Alice Garbo, Nicolò Masiero Sgrinzatto, Riccardo Michelin, Enrico Ricciardelli, Carlo Scarpa.

La residenza di ricerca si è sviluppata tra Besenello e la montagna di Scanuppia, risalendo poi il torrente Rosspach da Calliano fino al paese di Guardia, per tornare sotto le mura del Castello, esplorando spazi urbani, sociali e campagne, indagando il sensibile con curiosità. Le opere realizzate durante la residenza sono state esposte nel castello di Beseno il 22 e 23 giugno nell’ambito della programmazione del festival.

Tutta la documentazione del progetto KNOWVISIT è consultabile sul sito web di Portobeseno.

L’installazione di Simone Carraro è visitabile liberamente partendo dal parcheggio di castel Beseno e si raggiunge seguendo uno dei sentieri nel bosco che aggirano le mura e si dirigono verso il fronte lagarino del castello.

Simone Carraro #knowvisit

Simone Carraro
UN PEDILUVIO MI FAREBBE BENE
racconto epistolare in 6 pezzi
acrilico e vernice su piastrelle in terracotta telate

Le immagini si amalgamano alle parole.
Un racconto onirico in 6 atti, dislocati in un ampio itinerario.
Lo spostamento diventa la forma necessaria per avvicinarsi alla sua comprensione.
Una narrazione poetico\analitica la cui genesi avviene da un intima osservazione e mitizzazione degli elementi del territorio.

Animali, piante e usanze popolari si incontrano e prendono forma in quello che vuole essere un tributo, un lascito, un sincero ringraziamento a un paesaggio visivo e sonoro che la natura e i suoi abitanti sanno riempire quotidianamente di forti suggestioni.

Simone Carraro si è diplomato con lode nel 2018 all’Accademia di Belle Arti di Venezia.
Recentemente la sua ricerca è orientata alle grandi pitture murali in luoghi abbandonati e isolati dal contesto urbano.

KnowVisit

UN PEDILUVIO MI FAREBBE BENE
RISORSE / DOWNLOAD

COMUNICATO STAMPA ‘Un nuovo percorso di visita a Portobeseno’

IMMAGINI di Simone Carraro in residenza a Portobeseno 2018

SCHEDA progetto e immagini progetto KnowVisit

PRESENTAZIONE festival Portobeseno 2018 #novisit

KnowVisit logo