Archivio della categoria: installazioni

portobeseno festival

CARLO SCARPA – KnowVisit

#00498

installazione site-specific
legno, ferro

KnowVisit

Partendo dall’analisi del paesaggio e dall’idea di installazione site specific, si sviluppa la costruzione di strutture temporanee collocate in un ampio itinerario in cui il castello, come tappa finale, accoglie la sintesi del percorso.

I materiali che un luogo mette a disposizione sono gli stessi attraverso il quale viene narrato.

KnowVisit

Carlo Scarpa
Nasce a Novara nel 1995, attualmente studia pittura presso l’accademia di Belle arti di Venezia. La sua ricerca si concentra sul paesaggio dove, recuperando gli elementi propri dei luoghi, li ricompone secondo le leggi dell’equilibrio. I materiali che il territorio mette a disposizione saranno gli stessi attraverso il quale viene raccontato.

KnowVisit 2018 PDF

KNOWVISIT è il titolo del progetto di residenza di otto artisti ospitati in Alta Vallagarina e nella Valle del Rosspach dal 4 al 10 giugno 2018. Il progetto si propone di sviluppare alcune idee nate a Venezia nell’ambito dei gruppi di ricerca “TAOB”, “p16” e “default”.



RISORSE

Pagina principale progetto KNOWVISIT

Immagini RESIDENZA Alta Vallagarina e valle del Rosspach, dal 4 al 10 giugno 2018

Immagini INSTALLAZIONI castello di Beseno, 22 e 23 giugno 2018



ARTISTI : INSTALLAZIONI

Elisa Barbieri : CRIVEL

Simone Carraro : UN PEDILUVIO MI FAREBBE BENE

Nicolò Masiero Sgrinzatto / Alice Garbo : 000 255 000

Riccardo Michelin : TRACCE DELL’OSTERIA ERRANTE

Enrico Ricciardelli : CARNE SALADA

Carlo Scarpa : #00498



KNOWVISIT si presenta come un contenitore di diverse modalità d’indagine, dall’intervento pittorico all’installazione, dalla ricerca sul paesaggio sonoro alle interviste, dal vagabondaggio alla performance di un’osteria errante.

Il focus non è il prodotto quanto il processo, l’interfacciarsi con una realtà differente (dalla laguna alla montagna) attraverso la prassi riflessiva del fare. Una visita attiva che tenta di entrare il più possibile nel substrato sensibile della zona di residenza sviluppando visioni libere e personali, contaminando differenti linguaggi nel panorama confuso dell’arte espansa.

Le opere realizzate e le performance sono state ospitate nel castello di Beseno, nei giorni 22 e 23 giugno, nell’ambito del festival Portobeseno 2018 NoVisit.

KnowVisit 2018 PDF

ELISA BARBIERI – KnowVisit

CRIVEL

percorso videosonoro in 15 parti
schermi tv, monitor, proiettore, lettori DVD, 4.1 canali

KnowVisit

Percorso video interattivo inserito in un contesto dove la tecnologia si integra con natura e storia locale, sperimentando l’adattabilità del mezzo e del luogo.
Gli interventi raccontano delle ministorie, destrutturando la narrazione delle documentazioni realizzate durante le varie fasi della residenza.

KnowVisit

Elisa Barbieri
Nasce a Cagliari nel 1994. Consegue il diploma accademico triennale in Nuove Tecnologie dell’Arte e frequenta il biennio in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Interessata a tutto ciò che riguarda l’estetica dell’errore, pratica la sua ricerca ai limiti dogmatizzati dei manuali d’uso, indagando le standardizzazioni della società dei linguaggi.

KnowVisit 2018 PDF

KNOWVISIT è il titolo del progetto di residenza di otto artisti ospitati in Alta Vallagarina e nella Valle del Rosspach dal 4 al 10 giugno 2018. Il progetto si propone di sviluppare alcune idee nate a Venezia nell’ambito dei gruppi di ricerca “TAOB”, “p16” e “default”.



RISORSE

Pagina principale progetto KNOWVISIT

Immagini RESIDENZA Alta Vallagarina e valle del Rosspach, dal 4 al 10 giugno 2018

Immagini INSTALLAZIONI castello di Beseno, 22 e 23 giugno 2018



ARTISTI : INSTALLAZIONI

Elisa Barbieri : CRIVEL

Simone Carraro : UN PEDILUVIO MI FAREBBE BENE

Nicolò Masiero Sgrinzatto / Alice Garbo : 000 255 000

Riccardo Michelin : TRACCE DELL’OSTERIA ERRANTE

Enrico Ricciardelli : CARNE SALADA

Carlo Scarpa : #00498



KNOWVISIT si presenta come un contenitore di diverse modalità d’indagine, dall’intervento pittorico all’installazione, dalla ricerca sul paesaggio sonoro alle interviste, dal vagabondaggio alla performance di un’osteria errante.

Il focus non è il prodotto quanto il processo, l’interfacciarsi con una realtà differente (dalla laguna alla montagna) attraverso la prassi riflessiva del fare. Una visita attiva che tenta di entrare il più possibile nel substrato sensibile della zona di residenza sviluppando visioni libere e personali, contaminando differenti linguaggi nel panorama confuso dell’arte espansa.

Le opere realizzate e le performance sono state ospitate nel castello di Beseno, nei giorni 22 e 23 giugno, nell’ambito del festival Portobeseno 2018 NoVisit.

KnowVisit 2018 PDF

Il Tempo del Fiume

CiclAdige
fotografie e testi di Claudio Raffaelli

Mentre non ero lì
installazione sonora di Sara Lenzi

Esposizione a cura di Portobeseno
In collaborazione con Assessorato alla Cultura del Comune di Calliano
Sagra di Calliano, 15 e 16 settembre 2018

Un viaggio tra immagini, parole, suoni ambientali e dati numerici del territorio.

CiclAdige 2018

Le immagini di Claudio Raffaelli, irriducibile ciclista ed esperto di botanica, fanno riferimento ad una presenza costante e attenta sulla ciclabile e lungo il corso dell’Adige, durante tutto l’anno.

Sara Lenzi - While I was not there

La composizione sonora di Sara Lenzi è realizzata partendo dai suoni locali e dalla ‘sonificazione di dati’ meteorologici riferiti a Calliano. Il lasso temporale che viene narrato si riferisce ai 5 anni di assenza di Sara, originaria di Aldeno, dal Trentino. L’installazione sonora è stata presentata in anteprima durante il festival Portobeseno, edizione 2017.

Sara Lenzi @ Portobeseno 2017

LA LUCE DELLA SERA

PORTOBESENO festival 2018

La luce della sera

installazione di Christian Marchi

coproduzione Christian Marchi / Portobeseno 2018

22 e 23 giugno 2018

castello di Beseno

Installazione di suoni singoli emessi da singoli altoparlanti.
Innumerevoli fascinazioni ne animano motivazione ed urgenza, ricordando sempre che quel che qui è orecchio in qualche luogo è anche occhio, e solo ai nostri sensi tutto sembra così diviso.

Ascoltare le cose significa presupporne una voce.
Possiamo ascoltarle e riprodurre quel suono con la nostra poesia.
Nascosta, segreta: una lepre sulla Luna.

Interni solitari, ore immobili, lontananze.
Silenzi e solitudini, immagini delle immense distanze.

Il vasto coro dello sfondo.
Forse la nostra emozione non fa che tradurre poesia perduta.

34836939395_af982c33d1_o

Christian Marchi
Rovereto, 1975. Diploma quinquennale a indirizzo tecnico conseguito nel 1994. Nel 1998 corso per tecnici teatrali (sezione fonica) a Bolzano e Ravenna. Il grande interesse per il suono è qui approfondito con dei docenti, sia da un punto di vista strettamente fisico e teorico che sotto l’aspetto pratico. In ambito teatrale, dal 1999 fonico e dal 2001 fonico e designer sonoro. Registrazioni sonore, suoni e rumori sia realistici che di fantasia; audio per cortometraggi, lungometraggi e radiofonia, creatività sonora. Field-recordings.

PORTOBESENO festival 2018

Portobeseno festival 2018
NO VISIT
22 e 23 giugno 2018
castello di Beseno in Trentino

leggi
programma Portobeseno 2018 WEB

scarica
programma Portobeseno 2018 PDF

immagini
album Portobeseno 2018 su Flickr

PORTOBESENO festival 2018

Aqua Caliani > Rosspach

Esposizione di cartografia storica, testi, fotografie dedicate al Rio Cavallo / Rosspach.

Calliano, 16 e 17 settembre 2017
Besenello e Folgaria, ottobre – novembre 2017

mosaico web "aqua caliani"

Esposizione multimediale dedicata alla valle del torrente Cavallo. L’installazione corredata da pannelli esplicativi propone una narrazione composta da disegni, cartografia storica, testi, immagini, video e suoni registrati da vari esploratori invitati dal festival durante le residenze estive.

Il titolo dell’esposizione fa riferimento all’appellativo “Aqua Caliani cum Molendinis e Segis” riportato in un documento del 1231 custodito nell’Archivio del Principato Vescovile di Trento. Possiamo definire questo testo come la prima citazione storica della geografia del luogo. Il toponimo Rosspach (in lingua cimbra) lo possiamo invece considerare come l’ultimo in ordine cronologico di una narrazione secolare del territorio.

Saranno presentati i progetti:
SOAK IN Rosspach Valley esposizione fotografica di Mirko Piffer.
Un torrente di Storie scrittura collettiva per una memoria condivisa del Rio Cavallo.
Cartografia storica e contemporanea della valle del Rio Cavallo selezione di mappe relative ai Comuni Catastali di Besenello, Calliano e Folgaria.

SOAK IN Rosspach Valley

Fotografia di Mirko Piffer