portobeseno 2007 – presentazione

PRESENTAZIONE FESTIVAL – edizione 2007

Il “viaggio tra fonti storiche e sorgenti web” proposto dal Festival Portobeseno, giunto alla sua terza edizione, contempla una costante riflessione sull’appartenenza ad un territorio, sulla sua promozione attraverso produzioni accattivanti ed originali, che toccano e coniugano argomenti oscillanti dalla cultura locale a quella globale, tra tradizione e innovazione.

Un lavoro di ricerca e di indagine su temi come Comunità, Appartenenza, Territorio, Memoria individuale e collettiva sono il presupposto all’idea del viaggio, che accoglie accanto alle produzioni originali, attività di raccolta, archiviazione e restituzione delle storie caratterizzanti la Vallagarina, raccontate dalla viva voce dei suoi abitanti.

I curatori del progetto Portobeseno indagano il momento contemporaneo e quello storico attraverso la tecnologia multimediale, allo scopo di riscoprire, valorizzare, conservare e trasmettere le storie delle comunità in forme dotate di originale valore estetico (installazioni, teatro, musica, videoproject, webproject, ecc.), con il coinvolgimento diretto degli abitanti del territorio.

Le esposizioni permanenti, le performance e gli spettacoli proposti in questo progetto ambiscono principalmente a raccontare il territorio e la sua gente, aprendosi alla relazione con l’esterno e attuando sempre nuove forme di collaborazione.

Tutti gli eventi e le installazioni proposti sono unici e originali, creati nell’ambito di progetti di ricerca sviluppati dall’Associazione Libera Mente.

Quest’anno, inoltre, il progetto Portobeseno si propone di donare alle Biblioteche comunali di Calliano e di Besenello gli archivi sonori raccolti dall’Associazione negli ultimi tre anni in collaborazione con Sara Maino.

Si tratta di una quindicina di interviste narrative rivolte a persone anziane di Calliano e Besenello. Gli argomenti variano dalle feste in castel Beseno, alla bonifica dei luoghi attorno a castel Pietra, ai tipi di attività lavorative come il commercio all’inizio del Novecento, alle pratiche religiose, agli usi ormai scomparsi, alla guerra, all’agricoltura, al boom economico.

Il lavoro che verrà ceduto è catalogato per argomenti e messo immediatamente a disposizione degli utenti delle biblioteche. Assieme all’Archivio verranno consegnati dei lettori audio e delle cuffie per rendere fruibile la ricerca denominata “Lagarina sonora”.

È in lavorazione il film documentario dedicato ai contadini professionisti di Besenello, Calliano e Volano. Si tratta di una serie di interviste e immagini della produzione vinicola: un lavoro per documentare lo stato di salute di questa professione e fare un punto sulla situazione agricola della zona. Il progetto è seguito da Michele Trentini, ricercatore etnografo e operatore video.

Davide Ondertoller ha raccolto le fotografie storiche di Calliano in un archivio che sarà presto visibile sul web.

Continua la produzione e la catalogazione (per temi e argomenti ma anche per dislocazione geografica) delle immagini di Portobeseno. Paesaggi urbani e naturali, serate di spettacoli e ritratti di persone coinvolte dal progetto Portobeseno.

L’Archivio fotografico una volta completato intende proporre vari livelli di interpretazione del territorio anche secondo le teorie della geografia emozionale.

L’Archivio di Portobeseno comprende anche video “site-specific” come quelli di Stefano Cagol e di Mylicon/EN entrambi dedicati alle cantine di castel Beseno. Sono presenti le opere originali provenienti da live performance di Mylicon/EN e NAtural-TEchnology nella piazza Grande di castel Beseno. Filmati DVD documentano il Teatro e gli Spettacoli di Portobeseno.

Nel 2007 l’Archivio si arricchirà di interviste video e nuove opere dedicate al territorio e alla memoria.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


2 + otto =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>