Rovereto #brione mappa



 NARRARE IL BRIONE

– progetto dedicato all’esplorazione sonora del quartiere Brione, Rovereto (TN), 2014-2015
– laboratorio didattico, incontri, concerti, esposizione, mappa e archivio web

narrare #brione rovereto

realizzato con i ragazzi e le ragazze della classe I C Scuola Secondaria di primo grado “Luigi Negrelli”, docenti Gianni Potrich, Annalisa Maule

in collaborazione con Assessorato alla Contemporaneità del Comune di Rovereto

logo comune rovereto privat

e con
Istituto Comprensivo Rovereto NORD
Associazioni aderenti al progetto Quartiere solidale – Rovereto
Bravo DJ – scuola di musica elettronica di Luca Fronza
Smart Lab Rovereto
residenti e commercianti del quartiere Brione

narrare #brione rovereto

ARCHIVIO

NARRARE #brionerovereto

DIARIO del laboratorio – tutti i contenuti raccolti
immagini set su Flickr.com
audio raccolta su Archive.org
hashtag ricerca globale #brionerovereto

I contenuti prodotti durante la ricerca (registrazione audio, fotografie, video) sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0 CC BY SA che permette l’utilizzo per fini non commerciali.

L’archivio #brione è confluito nel progetto triennale dedicato alla città di Rovereto. Tre classi, tre laboratori che hanno messo al centro l’ascolto di Rovereto, dai suoni ambientali alla memoria degli abitanti. Il progetto di Portobeseno nato dalla collaborazione con il comune di Rovereto presenta l’archvio-mappa dedicato all’esplorazione sonora della città.
I laboratori svolti con tre differenti classi di studenti del Liceo Artistico Depero (2013 e 2014) e della scuola Media di I Grado Luigi Negrelli (2014-5) hanno prodotto decine di rilevazioni audio coinfluite in una mappa archivio ospitata nel portale web di Portobeseno.

narrare #brionerovereto

NARRARE #brionerovereto

progetto di Davide Ondertoller e Sara Maino

Il progetto si rivolge a giovani adolescenti, adulti ed anziani della comunità del quartiere Brione di Rovereto.
Si configura come una attività di ricerca e raccolta di suoni e di storie caratterizzanti luoghi particolarmente significativi.
Lo scopo è quello di formare ragazze e ragazzi a narrare creativamente il territorio con le tecnologie multimediali contemporanee (registratori digitali, fotocamere, mappe web interattive, social network ed eventi pubblici) attivando azioni collettive intergenerazionali.
Il progetto si focalizza in primo luogo sul rafforzamento della capacità di ascolto. La raccolta di testimonianze e di suoni ambientali, infatti, viene realizzata prettamente in audio.
Cioè, sottende l’idea di una forte messa in gioco individuale che, però, diviene, attraverso l’ascolto e la pratica della raccolta, attraverso gli incontri con la gente e la creazione, il ripensamento, l’elaborazione, azione collettiva.
Si impara anche e soprattutto a lavorare in gruppo.

Finalità del progetto

  • rafforzare una cultura dell’ascolto e della condivisione sociale per incentivare le relazioni
  • creare occasioni di incontro e di avvicinamento tra generazioni per una crescita collettiva
  • scoprire una nuova semantica per valorizzare la nostra storia e aprirsi ad un confronto più maturo con l’esterno
  • raccontare la vita con le nuove tecnologie ed i media in modo creativo, consapevole e responsabile realizzando degli archivi interattivi sul web
  • innovare l’offerta culturale attraverso l’utilizzo di archivi sonori condivisi e senza diritto d’autore

narrare #brionerovereto

I temi della ricerca

L’idea è di affrontare delle tematiche comuni a tutti i luoghi esplorati, che verranno rappresentati sulla mappa, come ad esempio:

  • il centro/la perifieria, l’identità percepita
  • le attività sociali (volontariato, associazionisimo, sport) ed economiche (negozi, locali pubblici)
  • la memoria dei luoghi
  • il rapporto con lo spazio naturale/artificiale

Al termine di ogni uscita, gli allievi sono invitati a rielaborare in classe le esperienze di incontro con i testimoni narranti, per stimolarne il ricordo, la memoria e l’immaginazione. Sono previste creazioni individuali e di gruppo (audiostorie, elaborazioni sonore, disegni, fotografie).

I prodotti multimediali, documentativi ed artistici, confluiscono in un archivio web dedicato al quartiere Brione, interamente georeferenziato, con l’obiettivo di “narrare il territorio” esplorato.

I suoni e le testimonianze orali archiviate saranno campionate e rielaborate dalla digital orchestra composta dagli allievi del corso di Musica Elettronica di Luca Fronza. L’obiettivo è di presentare una performance musicale allo Smart Lab Rovereto che utilizzi questo materiale senza diritti d’autore.

La restituzione del progetto è pensata come una vera e propria festa di incontro tra generazioni.

narrare #brione rovereto

CHI SIAMO
Portobeseno è un progetto culturale nato nel 2004 in Alta Vallagarina. Si occupa di archivi multimediali 2.0, progetti artistici e laboratori creativi aventi per oggetto il territorio, il paesaggio e la memoria individuale e collettiva.
I progetti traggono spunto da interviste narrative, ricerche etnografiche, laboratori didattici rivolti alle scuole, da riflessioni sulla memoria orale e sulla conoscenza concreta del territorio, dall’esplorazione dei paesaggi sonori, dalle loro possibili relazioni con il web attraverso lo sviluppo di cartografie virtuali, blog creativi, geoblog, progetti sociali per la Rete.
Tali progetti confluiscono nel festival “Portobeseno, viaggio tra fonti storiche e sorgenti web” che produce spettacoli (dal teatro ai concerti di musica elettroacustica) e installazioni multimediali originali e innovative. Il festival Portobeseno propone inoltre riflessioni sui diritti d’autore, la condivisione creativa e sulla percezione del territorio tra reale e virtuale, dalla scoperta di un sentiero nei boschi alla navigazione virtuale offerta da Internet.
Portobeseno è curato da Davide Ondertoller e Sara Maino.
http://www.portobeseno.it

narrare #brionerovereto