Archivio tag: conferenza

LA STORIA IN PIAZZA

Il festival Portobeseno 2019 propone due appuntamenti serali a Calliano e Besenello per scoprire la storia e l’arte in Alta Vallagarina tra Gotico e Rinascimento.

Mappa castel Beseno e il circondario di Folgaria, 1601 - particolare - Fonte: Archivio di Stato di Trento

CALLIANO

centro storico
mercoledì 22 maggio, ore 20.30

I cicli affrescati di palazzo Wetterstetter e palazzo Pilosi

Relatori:
Maddalena Ferrari
Claudio Strocchi

Coordinamento:
Matteo Rapana’

In caso di pioggia l’evento si svolgerà presso il Municipio di Calliano

bicchiere Trapp

BESENELLO

Biblioteca comunale di Besenello
mercoledì 29 maggio, ore 20.30

500 anni di Trapp

Relatori:
Walter Landi
Carlo Andrea Postinger

Coordinamento:
Matteo Rapana’

palazzo pilosi demartin affreschi

LA STORIA IN PIAZZA

La tipologia delle architetture e le tematiche degli affreschi presenti sul territorio dei comuni di Besenello e Calliano documentano l’importanza di questo territorio nelle vicende internazionali di fine Quattrocento, tra la battaglia di Calliano e la salita al trono imperiale di Massimiliano I d’Asburgo.

In questo periodo storico, nella zona dell’Alta Vallgarina, si trovava infatti ‘il confine, la porta per la Germania’, un luogo pieno di tensioni politiche e militari, una via di passaggio e di contaminazioni lungo la quale si trovano due castelli, Pietra e Beseno, e i palazzi di Calliano decorati con i simboli della nobiltà tirolese.

Guidati dalle narrazioni di esperti e ricercatori sarà possibile ripercorrere le vicende dei cicli affrescati di due edifici di Calliano risalenti ai primi Cinquecento e le origini della famiglia Trapp insediatasi nel 1470 nel feudo di Beseno.

L’occasione per approfondire le vicende di questo cruciale momento storico per il territorio lagarino è offerta dalla ricorrenza dei 500 anni della morte dell’Imperatore Massimiliano I d’Asburgo, una delle figure europee più significative del periodo a cavallo fra Medioevo ed Età moderna.

Il ruolo svolto da questo importante personaggio è stato recentemente ribadito anche dal presidente dell’Euregio, Arno Kompatscher, sottolineando come “la sua forza di volontà e la sua capacità di guardare con coraggio al futuro, in un periodo di grande insicurezza come quello che ha fatto seguito alla fine del medioevo, rendono Massimiliano I d’Asburgo una delle figure da prendere ancora oggi come esempio in Europa”.

castel Beseno, aratura: ciclo dei mesi

LA STORIA IN PIAZZA

Portobeseno festival 2019 è realizzato grazie al contributo della Provincia Autonoma di Trento, Regione Autonoma Trentino Alto Adige, Comunità della Vallagarina, Comune Besenello, Comune di Calliano, BIM dell’Adige.

Evento ideato da Davide Ondertoller in collaborazione con Matteo Rapana’.

www.portobeseno.it // portobeseno@gmail.com // mob 340 555 4516

Alta Vallagarina

BIOGRAFIE RELATORI

MADDALENA FERRARI
Consegue nel 2004 la laurea quadriennale in Conservazione Beni Culturali all’Università degli Studi di Parma con una tesi riguardante lo studio delle opere firmate del Medioevo nel Trentino. Nel 2006 ottiene il diploma di Master annuale di primo livello in Beni Culturali Ecclesiastici presso l’Università degli Studi di Bologna e dallo stesso anno è uno degli schedatori dei beni culturali ecclesiastici e degli edifici di culto dell’Arcidiocesi di Trento, all’interno del progetto di censimento nazionale del patrimonio della Conferenza Episcopale Italiana. Alla collaborazione nel campo della catalogazione unisce quella dell’attività didattica per il Museo Diocesano Tridentino e per la Fondazione Museo Storico del Trentino. I suoi numerosi contributi sull’arte sacra del territorio provinciale sono pubblicati in monografie o cataloghi di mostre curati dal Museo Diocesano.

CLAUDIO STROCCHI
Claudio Strocchi, laureato presso l’Università degli Studi di Firenze e frequentato il corso di perfezionamento in Storia dell’arte in collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa, dal 1995 è in servizio presso la Soprintendenza Beni Culturali della P.A.T. come funzionario con indirizzo storico-culturale. Si occupa di tutela, restauro e valorizzazione del patrimonio storico-artistico del territorio del Trentino.
Tra le sue pubblicazioni, conseguenti ad interventi di restauro promossi e diretti per la Soprintendenza, si ricordano gli affreschi medioevali di San Pietro in Bosco ad Ala, l’ancona lignea della Assunzione della Vergine realizzata dai fratelli Olivieri a Condino, gli affreschi trecenteschi scoperti nella chiesa di San Carlo a Pergine Valsugana e quelli di Palazzo Wetterstetter di Calliano.

CARLO ANDREA POSTINGER
Medievista, ha operato per molti anni anche nel campo degli scavi e delle ricerche archeologiche, interessandosi particolarmente alla conoscenza degli edifici storici e all’analisi del costruito, mediante l’esame e l’interpretazione della stratigrafia muraria degli elevati, con particolare attenzione all’architettura fortificata.
Attivo oggi nel campo della ricerca archivistico – documentaria, è autore tra l’altro di studi e pubblicazioni relativi a castelli, palazzi e chiese del Trentino, nonché a taluni aspetti di storia locale. In ambito museale collabora all’allestimento di iniziative espositive contribuendo anche alla produzione di supporti didattici e multimediali. Relatore in incontri scientifici e corsi di formazione, oltre che in numerose conferenze, nonché docente presso istituti di educazione degli adulti, ha condotto alcuni programmi radiofonici e partecipato in video a produzioni televisive e documentaristiche. Affiliato a diverse associazioni culturali, è Accademico degli Agiati e membro della Società di studi trentini di Scienze storiche.

WALTER LANDI
Ha compiuto i propri studi a Freiburg i.Br e a Trento, dove nel 2002 si è laureato in Lettere moderne, conseguendovi poi, nel 2006, il Dottorato di ricerca in Studi storici. Per diversi anni collaboratore di ricerca in Storia medievale e assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia, Storia e Beni culturali dell’Università degli Studi di Trento, dal 2014 lavora presso l’Archivio provinciale di Bolzano. All’attivo ha numerose pubblicazioni dedicate soprattutto alla storia del territorio trentino-tirolese fra X e XIII secolo, alle dinastie comitali di area alpina fra alto e basso medioevo, al fenomeno dell’incastellamento, alla storia ecclesiastica locale, nonché a singoli aspetti della storia dell’arte regionale. Affiliato a diversi sodalizi culturali, egli è socio ordinario dell’Accademia Roveretana degli Agiati di Scienze, Lettere ed Arti, della Società Italiana degli Storici medievisti, dell’Istituto Italiano dei Castelli, della Società di Studi Trentini di Scienze Storiche e del Tiroler Geschichtsverein, nonché membro dei consigli direttivi del Südtiroler Burgeninstitut e del Museumsverein Bozen.

castello di Beseno

presentazioni Giugno 2016

OSCE: Open source circular economy days

OSCE: Open source circular economy days
giovedì 9 giugno 2016 @ Progetto Manifattura

Nell’ambito degli Osce Days, Recycling Point organizza un evento dedicato all’economia circolare, con focus sulla green economy, sul risparmio energetico e sul riciclo, nell’ottica delle potenzialità offerte dagli open data.

L’evento coinvolge tutti i partecipanti che potranno animare le sessioni sollevando domande, condividendo idee e proponendo soluzioni. Le discussioni si concentreranno in particolare su economia circolare, edilizia sostenibile, startup e open data. Ecco alcuni degli interventi previsti:

• Narrazione del territorio. Un percorso lungo oltre 10 anni fatto da buone pratiche e riuso. A cura di Davide Ondertoller e Sara Maino (curatori di Portobeseno).

(continua a leggere)

OSCE: Open source circular economy days

DOWNLOAD PDF presentazione progetto Portobeseno

13256139_644617939039710_4606284194317836674_n

LandCity Revolution e OpenGeoData
Quarta Conferenza OpenGeoData “Le comunità che danno valore ai dati geografici aperti”
Roma, CNR, 20 giugno 2016
L’evento unisce due conferenze che hanno molte tematiche in comune: la quarta Conferenza OpenGeoData che si svilupperà il 20 giugno e la prima Conferenza LandCity Revolution. L’evento si tiene all’interno del Centro Congressi del Consiglio Nazionale delle Ricerche, recentemente ristrutturato che ha al suo interno una sezione completamente nuova con una video gallery, una sala 3D, una sala per videoconferenze, una sala espositiva.
Sono nate comunità di sviluppatori, sperimentatori o semplici utenti, che usano questi dati per scopi professionali, di studio e di ricerca. Sono sorti spontaneamente gruppi di interesse sui social network e nelle comunità di utenti di software specifici. I media e le associazioni scientifiche e culturali hanno iniziato a censire idee ed applicazioni basate sugli Open Data. Alcuni Enti Pubblici si sono federati creando nuove comunità di pubblicatori di dati.

13516731_657538244414346_2656240797463755798_n

Il risultato è stato un gran movimento di dati e di idee, un fermento creativo di riutilizzo dei dati geografici aperti originali degli enti: prove, applicazioni, miscele di informazioni, rielaborazione di dati, creazione di nuovi dataset ed applicazioni, ripubblicazione di dati dinamici resi così più facilmente fruibili da chiunque.

– Davide Ondertoller: “Il viaggio di Portobeseno tra fonti storiche e sorgenti web”

(continua a leggere su Landcity.it)

Pubblicate tutte le relazioni della sessione plenaria della Conferenza OpenGeoData Italia 2016 –  entra

2016-06-22_11-56-06

presentazione archivio Narrare il Territorio a Besenello

“Sono le memorie della comunità, non la storia, non un archivio, non una lista di autorità
ma una memoria vivente, la coscienza dell’identità collettiva intrecciata in centinaia di storie.”

Narrare il Territorio a Besenello

Vi invitiamo con piacere alla serata di presentazione dell’archivio digitale frutto del laboratorio svolto con le scuole primarie nel 2014 – 2015 dedicato alla memoria orale del territorio di Besenello.

Sarà l’occasione per rivedere e riascoltare la testimonianza raccolte dalle bambine e dai bambini. L’incontro prevede anche la presentazione ufficiale dell’intero archivio multimediale, realizzato da Portobeseno tra gli anni 2005-2015, dedicato alla memoria del territorio di Besenello.

L’ARCHIVIO DI NARRARE BESENELLO E’ DISPONIBILE A QUESTO LINK

L’archivio accoglie registrazioni audio, video, fotografie e una speciale mappa interattiva disponibile in rete. L’archivio è arricchito anche dai contributi, formati da componimenti letterari e disegni, realizzati dagli alunni coinvolti.

Vi aspettiamo
venerdì 26 febbraio 2016 alle ore 20.30
presso l’Aula Magna Scuola primaria “S.Pellico” di Besenello

La serata è curata da Portobeseno
evento promosso da Amministrazione Comunale di Besenello
in collaborazione con
 Istituto Comprensivo Alta Vallagarina

DOWNLOAD COMUNICATO STAMPA E IMMAGINI

DOWNLOAD LOCANDINA INVITO
invito PDF > JPG

‘Narrare il Territorio’ è un progetto di ricerca e raccolta di memorie presso gli anziani di Besenello (TN) con la partecipazione delle bambine e dei bambini delle classi V delle Scuole primarie e dei loro insegnanti. Consiste in un approccio laboratoriale, mediante il quale gli allievi acquisiscono gli strumenti per registrare suoni ambientali e per intervistare persone, sperimentando nuove relazioni umane in un clima sereno e spontaneo.

Il laboratorio si propone come un veicolo per riscoprire il paese, la gente e le vecchie case che racchiudono una infinità di storie; gli allievi imparano ad interagire in modo più consapevole con i luoghi e le memorie di comunità, raccontate dal suo Narratore per eccellenza, la persona anziana.

I progetti di ricerca Lagarina Sonora, Chiavi di Memoria, Microstorie del Paesaggio, Narrare il Territorio e la realizzazione delle installazioni sonore dedicate alla memoria orale della Vallagarina sono state sostentute durante il periodo 2005-2015 da:
Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto
Provincia Autonoma di Trento – Assessorato alla Cultura
Comune di Besenello
Comune di Calliano
Comune di Volano
Cassa Rurale Alta Vallagarina
Comunità della Vallagarina

IN-FORMAZIONE CONTINUA

Ciclo di incontri dedicati all’ideazione e progettazione delle attività culturali sul territorio.
Novembre – Dicembre 2015

IN-FORMAZIONE CONTINUA

Cultura, territorio e la loro promozione, legate assieme dal filo della tecnologia del web. É il tema di “In-formazione continua”, il progetto di rete dei Piani Giovani della Destra Adige e dell’Alta Vallagarina.

Gli incontri sono dedicati alle tematiche della vita sociale (pianificazione partecipata, portali di comunità), culturale (archivio storico, calendario e gestione eventi, smart cities), professionale (gestione di eventi, manager di progetti culturali, promozione), con la partecipazione di esperti e operatori nel campo della cultura.

IN-FORMAZIONE CONTINUA mosaico


IN-FORMAZIONE CONTINUA

RELATORI E TEMATICHE


1

giovedì 5 novembre, ore 20.45
CALLIANO, Sala Consiliare (Municipio)
NUOVE FORME DELL’IMPRESA CULTURALE
– ideazione, promozione, organizzazione degli eventi culturali
Federica Bianconi, Marco Serraglio
– registrazione audio dell’incontro ascolta
IN-FORMAZIONE CONTINUA 1


2

giovedì 12 novembre, ore 20.45
VOLANO, aula magna scuole primarie
CULTURA SOCIALE, TRA WEB E TERRITORIO
– uso e consumo dei social network
– piattaforme collaborative, media civici e processi partecipativi

Luigi Mastandrea, Ilaria Vitellio
– registrazione audio dell’incontro ascolta
IN-FORMAZIONE CONTINUA 2


3

giovedì 19 novembre, ore 20.45
ISERA, sala della Cooperazione
ECONOMIA SOCIALE
– cittadinanza attiva, economia collaborativa
Roberto Pallanch, Francesco Gabbi e Fabio Franz
– registrazione audio dell’incontro ascolta
IN-FORMAZIONE CONTINUA 3


4

giovedì 26 novembre, ore 20.45
NOMI, Sala Consiliare (Municipio)
PROMUOVERE IL TERRITORIO
– marketing dei processi culturali
– storytelling e turismo

Sergio Cagol, Barbara Marcotulli
– registrazione audio dell’incontro ascolta
IN-FORMAZIONE CONTINUA 4


5

mercoledì 2 dicembre, ore 20.45
NOGAREDO, Sala Consiliare (Municipio)
CONDIVIDERE LA CONOSCENZA
– mappe e sapere condiviso, OpenStreetMap e Wikipedia
– diritti d’autore e creative commons

Niccolò Caranti, Cristian Consonni, Maurizio Napolitano
– registrazione audio dell’incontro ascolta
IN-FORMAZIONE CONTINUA 5


6

giovedì 10 dicembre, ore 20.45
POMAROLO, auditorium scuole primarie
AGRICOLTURA DEL FUTURO
– il paesaggio come spazio di vita, economie agricole locali e sviluppo sociale
– proiezione del film “Contadini di montagna” di Michele Trentini

Luca Eccheli, Giancarlo Manfrini, Nicola Sordo, Michele Trentini
– registrazione audio dell’incontro ascolta
IN-FORMAZIONE CONTINUA 6



Evento in collaborazione con:
Provincia Autonoma di Trento
Politiche Giovanili Provincia Autonoma di Trento
Piano Giovani Alta Vallagarina
Piano Giovani Destra Adige
e con
Amministrazioni comunali di Besenello, Calliano, Isera, Nogaredo, Nomi, Pomarolo, Villalagarina, Volano


SCOPRI L’ARCHIVIO DI IN-FORMAZIONE CONTINUA

documentazione degli incontri: fotografie e il podcast da ascoltare
le immagini sono ospitate sul portale Flickr.com
– l’archivio audio con tutti gli interventi Archive.org




IN-FORMAZIONE CONTINUA

DOWNLOAD PROGRAMMA INCONTRI
*.PDF + *.JPG + comunicato stampa.zip

L’evento è stato condiviso anche su Facebook.

IN-FORMAZIONE CONTINUA

Portobeseno settembre 2014 > prossimi appuntamenti

tutta la mia città trento 2014

Tutta la mia città 15-20 settembre
Festival di Via del Suffragio a Trento, momento di socialità e di incontro, occasione di sviluppo di comunità, appuntamento culturale e formativo.
Portobeseno presenta i progetti sul territorio, dal recupero della memoria orale al riutilizzo sociale del castello di Beseno: giovedì 18 settembre, ore 18, cortile Cafè della Paix Trento.
Eventi Facebook
Home Page festival

elve logo

ELVE festival 19-21 settembre 2014, Sanbapolis Trento
ELVE 2014 è una rete di persone con bit/beat elettronici nel proprio animo, che si occupano di arte, tecnologia e multimedialità (musica elettronica, VJing e visual, installazioni audio/video, performance).
ELVE 2014 vuole essere un’occasione per contaminare e lasciarsi contaminare: fondere musica, teatro, arti visive, software e hardware, per mostrare il prodotto di collaborazioni e crearne di nuove.
Portobeseno presenta la videoinstallazione Mylicon/EN live @ Portobeseno 2005, tutti i giorni dalle 16 alle 24
Eventi Facebook
Home Page festival

smart cities bologna logo

Smart City Exhibition 2014 Bologna
Collaborative mapping & tattiche di riuso dello spazio urbano
22 ottobre 2014, 9.30 – 11.15, Sala poster
Nell’ultimo decennio lo sviluppo tecnologico ha totalmente modificato il processo di produzione di mappe come quello di rappresentazione della città. Open Street Map, Ushahidi e Goggle Map, in modi molto diversi, hanno aperto alla possibilità di poter costruire e contribuire alla costruzione di mappe. Ne emerge così una pratica sperimentativa attiva nel regno del web: il collaborative mapping, attività di mappatura volontaria di una moltitudine di neocartografi e neogeografi dello spazio urbano. Nel web si moltiplicano così le esperienze di utilizzo, creazione e condivisione di mappe, mentre l’esplorazione geografica in rete si trasforma nella rappresentazione assidua di territori.
Le moltissime le esperienze crowdsourcing urbano descrivono una varietà di forme rappresentative e descrittive dei territori che assumono come centro propulsivo non solo il prodotto, in continua evoluzione, ma chi lo produce, la folla (crowd) e come (outsourcing), mentre la mappa – per molti strumento passivo di potere o di localizzazione, orientamento e misura – diventa spazio attivo e generativo, prestandosi ad ospitare una varietà di linguaggi (testi, immagini, video, suoni, etc) in continua interazione e rimando reciproco.
Non si tratta più di leggere la mappa, ma di scriverla aprendo a tutte le dinamiche di attraversamento possibili. La mappa diventa così il risultato di una varietà di competenze e conoscenze, di diversi modi di usare ed esperire lo spazio, di modelli di movimento e attraversamento, così come di diverse e implicite visioni del mondo e potenzialità di trasformarlo: una pratica di costruzione dello spazio urbano in continua e assidua evoluzione.
Attraverso il collaborative mapping le piattaforme digitali rappresentano così lo spazio in cui l’espressione, l’informazione e l’interazione non solo è a disposizione di persone e organizzazioni, ma è da questi collettivamente prodotta.
Smart City Exhibition 2014, in tale prospettiva, intende far emergere tali pratiche con l’obiettivo di riflettere su:

  • le modalità di civic engagement e alle modalità di partecipazione;
  • i rapporti con le istituzioni nei processi di rappresentazione e di trasformazione dello spazio;
  • i contributi che tali esperienze possono apportare nella costruzione di una rinnovata governance urbana.

Le esperienze in questo campo saranno organizzate attorno a questi tre temi.