Archivio tag: festival creatività

Portobeseno @ Festival Della Creatività 2009

 

 

 

 

16 ottobre 2009 – ore 16.00
Memoria – Reti – Territorio
fortezza Da Basso – Firenze
festival della Creatività 2009
con F. Forte, D. Ondertoller, S. Maino, F. Michi, M. Spiganti, F. Maraghini, C. Infante

sarà presentato e discusso il progetto – installazione

MICROSTORIE DAL PAESAGGIO


audiostorie e cartografia lagarina
progetto di Sara Maino e Davide Ondertoller
produzione festival Portobeseno 2009
http://www.portobeseno.it

 

 

 

 

PORTOBESENO @ Roma + Firenze

9 ottobre 2009  – ore 21.00
PERFORMING ROMA
Testaccio, Tempio di Adriano, Roma

Format di comunicazione pubblica interattiva per l’urban experience: creatività sociale nel web, azioni e degustazioni radio-guidate, videosharing, live set
Performing Roma è un nuovo format di azione culturale attraverso i nuovi media (come geoblogging e l’interaction design) che interpreta esemplarmente l’idea delle passeggiate nell’Ottobrata romana…

 

 

16 ottobre 2009 – ore 16.00
Memoria – Reti – Territorio
fortezza Da Basso – Firenze
festival della Creatività 2009
Memoria – Reti – Territorio (CasaMasaccio Archivio della memoria)
con F. Forte, D. Ondertoller, S. Maino, F. Michi, M. Spiganti, F. Maraghini, C. Infante

 

presentiamo

MICROSTORIE DAL PAESAGGIO
installazione sonora interattiva
audiostorie e cartografia lagarina
progetto di Sara Maino e Davide Ondertoller
produzione festival Portobeseno 2009
http://www.portobeseno.it

Il progetto si configura come un’indagine sul rapporto tra memoria collettiva, percezione del territorio e mutazioni del paesaggio sonoro.
L’installazione è composta da una mappa interattiva che offre racconti audio e frammenti di suoni ambientali riferiti a particolari luoghi della Vallagarina legati al castello di Beseno in Trentino: la comunità di Besenello, malga Palazzo e la Scanuppia, il rio Cavallo/Rossbach, i vecchi mulini fluviali di Dietrobeseno e Calliano.
Obiettivo è la salvaguardia e la rappresentazione della memoria di tali luoghi e del loro ambiente sonoro: operare una ricognizione sulla memoria a partire dai luoghi che sono o sono stati di valore individuale e collettivo e conservano significati culturali, sociali, affettivi. Lo scopo è quello di registrarne i cambiamenti, creare mappe emozionali, suggerire la possibile ricomposizione di frammenti del vissuto, la creazione di nuove storie e trame anche attraverso l’incrocio di metadati web (archivi e mappe virtuali, categorie, geotag).