Archivio tag: il funambolo

il funambolo @ portobeseno

 

Quello dell’Associazione culturale il Funambolo di Trento è un percorso che nasce dall’Università di Trento (grazie all’Opera Universitaria) e si concentra in una redazione chiamata IlCieloMetropolitano.

Loro si sono affacciati al progetto Portobeseno nel febbraio 2005, il contributo al festival 2005 divenne prima ricerca (interviste indagine) poi materiale per una rivista (lo spunto di una storia per raccontarla in stili artistici diversi) e infine uno spettacolo e una mostra fotografica !  🙂

Il progetto fu presentato prima al Teatro Sperimentale di Trento, una settima più tardi a Besenello ospitati in una bellissima terrazza che si affacciava sulla Vallagarina. La storia di questo progetto la trovate qui.

Nel 2006 a castel Beseno viene presentato lo spettacolo L’Assedio, terzo appuntamento teatrale di Portobeseno.

La gente corre numerosa a castello, 184 ingressi secondo la casa delle guardie – biglietteria, tutti o quasi si aspettano lancie e spade, cannoncini e balestre.

Invece nel bastione sud del castello la Folla incontra il Folle, l’assediato, che si è rifugiato nella torre sbrecciata a 6-7 mt sopra il pubblico seduto sul prato.

“Il tempo sulla terra è troppo prezioso. Nessuno ha tempo per più d’una versione della verità”.

“E allora accontentiamoci di gaie messinscene sul passato, e null’altro…”.

Thomas Pynchon, Mason & Dixon

 

Eccoci ai giorni nostri …

alla fine del 2006 i nostri decidono che l’università li fa sentire troppo ggiovani e fondano la nuova associazione, il Funanbolo appunto.

Questo è il programma di febbraio

buon equilibrio a tutti

 

febbraio al circo(lo) wallenda

L’assedio

opera teatrale

Martedì 25 ottobre h 21:30

Atrio Stazione Ferroviaria di Trento

La stazione diventa per una sera crocevia della Storia, ovvero sede di una «gaia messinscena sul passato».

L’Assedio è il racconto di un delirio: il delirio di un folle che crede d’essere di volta in volta personaggi storici diversi (Eva Braun, Caeusescu, Pol Pot,…); ma forse anche – lo spettacolo non scioglie questo dubbio – il delirio della Storia, vista come il sogno tetro d’un Folle.

Spettacolo multimediale, l’Assedio si fonda sulla interazione continua (e in qualche modo anch’essa delirante, babelica) di piani narrativi e linguaggi: all’azione teatrale e al recitato dal vivo si mescolano infatti le voci registrate, la proiezione di fotografie e di immagini di video edite e inedite, la musica elettronica originale.

Il funambolo 2006

co-produzione Portobeseno 2006