Archivio tag: live

The Sound of Brionx

live audio > performance > 4 DJ >  8 speaker

venerdì 29 maggio 2015
ore 18 + ore 21
SMART LAB Rovereto

I suoni e le voci del quartiere Brione entrano allo SMART LAB trasformati dalla BravoDJ! Orkestra, collettivo della scuola Bravo DJ di Luca Fronza.

L’archivio sonoro che sarà rielaborato e musicato dalla BravoDJ! Orkestra è stato creato nell’ambito del laboratorio didattico “Narrare Brione” a cura di Portobeseno , in collaborazione con i docenti, i ragazzi e le ragazze della classe I C scuola Luigi Negrelli di Rovereto.

The Sound of Brionx @ SMART LAB

The Sound of Brionx è una performance di 30′ in cui, la BravoDJ! Orkestra crea musica utilizzando unicamente l’archivio di suoni del quartiere Brione.
I suoni ambientali e le voci manipolati dal vivo si trasformano in ritmo, melodia, effetti e rumore.

BravoDJ! Orkestra è un collettivo formato da DJ, ogni elemento ha un ruolo ben preciso e contribuisce al brano, sia musica o sonorizzazione, eseguendo la sua parte dal vivo. Come in una band l’affiatamento e l’interplay sono fondamentali.

Narrare Brione è un progetto dedicato all’esplorazione sonora del quartiere Brione a Rovereto, un’attività di ricerca e raccolta di suoni e di storie caratterizzanti luoghi particolarmente significativi.
Lo scopo è quello di formare ragazze e ragazzi a narrare creativamente il territorio con le tecnologie multimediali contemporanee (registratori digitali, fotocamere, mappe web interattive, social network ed eventi pubblici) attivando azioni collettive intergenerazionali.
Al termine di ogni uscita, gli allievi sono invitati a rielaborare in classe le esperienze di incontro con i testimoni narranti, per stimolarne il ricordo, la memoria e l’immaginazione. Sono previste creazioni individuali e di gruppo (audiostorie, elaborazioni sonore, disegni, fotografie).
I prodotti multimediali, documentativi ed artistici, confluiscono in una mappa-archivio dedicata al quartiere Brione, con l’obiettivo di “narrare il territorio” esplorato.

 

Andrea  > narrare #brionerovereto

 

Alpsound > DUB Mountains > 4 luglio 2014

Al Castello di Beseno l’ultimo appuntamento con ALPSOUND > comporre con i paesaggi sonori

PORTOBESENO CHIUDE CON UN OMAGGIO ALLA STAFFETTA PARTIGIANA ANNETTA RECH

Il 4 luglio il festival propone sul bastione sud Dub Mountains: la voce dell’esponente trentina della resistenza mixate con improvvisazioni alla chitarra

Si concluderà con un tributo musicale alla Resistenza e alla partigiana Annetta Rech l’edizione 2014 di Portobeseno. “Alpsound – Comporre con i paesaggi sonori”, il viaggio tra fonti storiche e sorgenti web promosso dall’associazione culturale Libera Mente arriva all’ultimo venerdì in programma dopo le emozionanti performance e successi delle prime due date.

radiofontani_portobeseno

L’appuntamento è per venerdì 4 luglio alle 19: Portobeseno diventa Alpsound > Dub Mountain. Lo spettacolare bastione sud di Castel Beseno ospita infatti una dub session speciale, un tributo ad Annetta Rech, staffetta partigiana dei nostri altipiani. “Grazie all’archivio di Portobeseno, alle interviste realizzate da me e Sara Maino, vibreranno nell’aria i messaggi che Annetta ci ha lasciato prima andarsene – racconta Davide Ondertoller, organizzatore del Festival -. La speranza, la dolcezza e l’umanità di questa meravigliosa sognatrice saranno mescolate alla musica e alle improvvisazioni della nostra chitarra. Una serata per condividere pezzi del nostro passato e immaginare un futuro”. L’intervista ad Annetta risale al 2006, l’anno della scomparsa, e la selezione che verrà proposta parla di impegno civile e difesa dei proprio ideali.

Annetta Rech (1919-2006), nata ai Morganti di Folgaria, ha esercitato nella sua vita la professione di sarta. Per il Museo storico in Trento ha pubblicato l’autobiografia Una vita ai Morganti (Trento 1991), storia di una vita, ma anche ampio affresco delle trasformazioni di un’epoca che l’hanno vista protagonista nel ruolo di partigiana comunista.

La serata Dub Mountain mette in mostra l’archivio di Alpsound: strutturato per la condivisione libera dei materiali sonori ed è aperto a nuovi contributi degli utenti in Rete, accoglie suoni ambientali, voci e racconti orali registrati localmente. Grazie al patrimonio raccolto, promosso e sviluppato dal festival Portobeseno PORTOBESENO, sono state realizzate delle performance in cui il suono ambientale si sposa a diversi generi musicali, trasformando il DJ set e la composizione elettroacustica in un’esperienza immersiva nel territorio.

Quello di domani è l’ultimo appuntamento della rassegna 2014. L’anno prossimo Portobeseno raddoppia, ospitando anche il simposio internazionale del paesaggio sonoro . «Giunto alla sua decima edizione – spiega Davide Ondertoller, organizzatore dell’iniziativa – Portobeseno ha festeggiato il compleanno con un importante riconoscimento internazionale: il festival trentino è stato scelto per ospitare il Simposio internazionale del Paesaggio Sonoro 2015 – Italia, Svizzera, Germania, Austria».

MAPPE LIQUIDE – live audio visual @ MART

Mappe liquide > portobeseno festival 2014

Progetto e live visual a cura di Sara Filippi e Tommaso Rosi
Musiche originali di Luigi Mastrandrea
Produzione Portobeseno 2014-5

Performance visuale dove le proprietà che caratterizzano il liquido, fluidità, elasticità e incomprimibilità, si mescolano metaforicamente ai concetti di identità, frontiera e confine sfumando quei segni di demarcazione che distinguono il limite o la soglia tra diverse realtà tipiche delle mappe geografiche.
La performance sperimenta il rapporto tra materiale e digitale attraverso un lightscreen autoprodotto che consente di andare oltre la fisicità delle composizioni, trasformando la luce e la materia in nuove realtà.
Le immagini utilizzate provengono dagli archivi web di Portobeseno che raccolgono decine di mappe storiche riferite all’Alta Vallagarina.

Mappe liquide

MART Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto

Venerdì 15 maggio, ore 17.00

Partecipazione gratuita

Audio Video performance sui concetti di confine, frontiera, identità per approfondire alcuni dei temi della mostra “La guerra che verrà non è la prima. Grande Guerra 1914-2014”.

INFO
festival@portobeseno.it MOB 340 5554516
eventi@mart.tn.it TEL 0464 454105

live performance
Hyper!ion – hypervimeo
Sara Filippi – diluciemateriali
Luigi Mastandrea – sound design

Portobeseno 2014 > MAPPE LIQUIDE

ARCHIVIO

photoset Flickr “Mappe Liquide @ Portobeseno festival 2014

Portobeseno 2014 > MAPPE LIQUIDE

Al Mart si fondono digitale e analogico nelle mappe della Vallagarina
di Susanna Caldonazzi
fonte: trentino-suedtirol.ilfatto24ore.it

Mondi diversi che si incontrano in modo creativo danno spesso vita a innovazione. E’ accaduto proprio questo con l’incontro tra Sara Filippi e Tommaso Rosi, protagonisti della performance Mappe Liquide, in scena al Mart di Rovereto venerdì 15 maggio alle ore 17.

«E’ stato un incontro tra due mondi diversissimi – racconta Sara Filippi – io vengo dal mondo dell’educazione e della pedagogia, Tommaso dalla scienza. Entrambi avevamo già attraversato la sperimentazione visiva e mettere insieme le nostre attitudini è stato bello».

Sara e Tommaso si conoscono grazie a Davide Ondertoller, ideatore del progetto Portobeseno, associazione e festival che riunisce progetti artistici e laboratori creativi sul territorio, il paesaggio e la memoria individuale e collettiva. Davide mette in connessione Sara e Tommaso e chiede loro di lavorare insieme a un progetto sulla rappresentazione del territorio dell’Alta Vallagarina, mettendo loro a disposizione le mappe dell’archivio web di Portobeseno.
Nasce così Mappe Liquide e, in una prima versione, va in scena a Castel Beseno, a giugno 2014, durante i giorni di festival di Portobeseno.
«Abbiamo realizzato un primo studio lo scorso anno – continua Sara – poi ci abbiamo lavorato ancora e ora il lavoro è ora cambiato in alcune parti e certamente più completo».

INTERNO SACCO VISTA ADIGE

SPETTACOLO

INTERNO SACCO VISTA ADIGE
16 maggio 2014
ore 20
Ponte di Sacco, via Liberta’
Rovereto

Nella serata del 16 maggio l’appuntamento è dalle 20 alle 23 al centro del ponte vecchio di Sacco: allestito come un salotto buono ospiterà alle ore 21 l’esplorazione dinamica di OM officina movimento – con musica eseguita dal vivo (elettro/acustica e voce) in un’atmosfera densa di suoni e voci raccolti durante il laboratorio “Narrare Borgo Sacco” con il Liceo Depero.
Apre e chiude l’evento il paesaggio sonoro elettroacustico di P o P _ X.

Durante la serata sarà possibile visitare presso la chiesa di S.Nicolò l’esposizione NARRARE #borgosacco, restituzione creativa dell’omonimo laboratorio di scoperta e registrazione dei suoni e della memoria orale di Sacco in collaborazione con il Liceo Depero di Rovereto e l’Assessorato alla Contemporaneità del Comune di Rovereto.

INTERNO SACCO VISTA ADIGE

ideazione e coreografia_Gloria Potrich
Musiche originali eseguite dal vivo_Guido Girardi (tastiere e live electronic)_Mattia Benuzzi (batteria e live electronics)
Voce_Marina Zampa
con Stefano Bussolon, Susanna Caldonazzi, Erica Cappelletti, Carlotta Cocco, Sara Filippi, Simonetta Giorgetti, Alessandra Lanfredi, Luanna Molinari, Karen Pedrotti, Giulia Tomasoni, Cinzia Venturelli, Paolo Vicentini.
Thanks to CDM Rovereto & Salotto Boys
In collaborazione con Portobeseno – progetto Narrare Borgo Sacco

INTERNO SACCO VISTA ADIGE #borgosacco

OM officina movimento
Performance caratterizzate dal legame stretto con la musica dal vivo con i linguaggi della Danza Classica e della Danza contemporanea come sintesi tra Danza Africana, Contact Improvvisation, Tecniche contemporanee performative e fisiologia del movimento.
Una danza dove il movimento è l’apparire sensibile dell’idea e la sua evoluzione.

ARCHIVIO EVENTO
– immagini su Flickr